E' guidando una bici che puoi conoscere meglio i contorni di un luogo,poichè sudi sulle salite e le discendi a ruota libera.
In tal modo ricorderai come sono veramente,mentre con un automobile solo un'elevata altura t'impressionerà e non avrai l'accurato ricordo del territorio che hai attraversato come quello ottenuto guidando con la bicicletta.

Ernest Hemingway

mercoledì 25 aprile 2012

MTB

Si arriva ad un punto in cui si ha voglia di dare una sterzata,nel senso buono,e visto che ieri ha nevicato sul Penice sinceramente dopo il freddo che ho preso sabato,con conseguente raffreddore,non avevo proprio voglia di andare.Ore 7 messaggino del mio amicone Stefano"Mtb ore 10 da me vieni?" E come no.Visto che si devono allenare per la 24 h di Finale di Mtb cosa c'e di più bello che una bella sgambata in compagnia.Nonostante sia scesa una leggera pioggerellina anche stanotte,il vento ha riparato asciugando velocemente permettendo di usufruire di quelle "sterrate"che rendono duro il giro.Parzialmente è un giro che avevo effettuato con mio figlio due anni fa,quando aveva ancora voglia di usare la Mtb,ma la variante effettuata oggi ha una sola pecca,una rasoiata al 25% che culmina in uno spiazzo dove vige un panorama stupendo.
Il rientro è per la maggior parte su asfalto e con il vento a favore è veloce.
Giornata di festa,ottimo giro,ottima compagnia e a casa la mia Tina mi ha preparato delle ottime tagliatelle al ragù,cosa volere di più.

sabato 21 aprile 2012

Challenge-Big

Solo ora curiosando nel sito Challenge-Big ho notato nel notiziario che sono stato menzionato tra gli italiani facente parte dell'Ironbig.
Ne riporto solo il punto 3 e colgo l'occasione per invitarvi ad andare a vedere il sito.



3. IRONBIG IN OPERE
11 Ironbigs nuovi sono in corso opere e 7 sono programmati per un prossimo futuro. Molti ragazzi ungheresi sono in gran parte la strada a un nuovo successo con Abramo Balász, Gabor Kreicsi, Gabor Vincze sulle montagne ungheresi. Suplicz famiglia combatte contro le piste Hirschbichl. Membri italiani come O.Lorenzoni, L.Cattaneo & S.Orlando sono in opere su monumenti italiani e il francese JP Bernelin è anche in bicicletta per diventare un padrino. Buona fortuna a tutti e grazie a tutti per essere così attivo con questa nuova sfida.

Ironbig 25-4

Dopo l'ondata di maltempo che ci ha colpiti in questo periodo,e sinceramente ne avremmo fatto volentieri a meno,cerchiamo di ripristinare al meglio i nostri programmi in modo da riuscire,piano piano a riprendere da dove avevamo lasciato.Ma non bisogna incappare nell'errore di aver fretta,come ho fatto io,altrimenti si va a peggiorare le cose .
Inizio settimana all'insegna del bel tempo,quindi bisogna approfittarne con una bella quarantina di chilometri,con l'inserimento di una salitella tranquilla.Martedi idem,bel tempo approfittiamone non si sa mai.Cinquanta chilometri con una bella salita,forse troppo.Salita che dal centro di Avolasca porta a Bocchetta di Oliva.Erano anni che non la facevo e sinceramente non me la ricordavo cosi,corta ma dura.Mi ricordo che avevo fatto questa salita per provare la nuova bicicletta appena comprata,una Colnago Tecnos e se non erro era l'anno '90.
Oggi sole ma aria frizzantina si ritarda un po' la partenza ma solo di una trentina di minuti.
Si parte per la quarta tappa dell'Ironbig 25.
Ritornando al discorso di prima la partenza è stata un po'troppo veloce fino a Varzi e di conseguenza l'ho pagata in salita,per fortuna che in settimana non ho avuto tempo di togliere il 27,che è stato molto utile nel tratto dei quattro chilometri che dal monte porta alla vetta.Come sempre da quando ho iniziato questa impresa/avventura,le mie tappe sono Varzi e Monte Penice ed oggi ho anche avuto l'occasione di vedere lo stand Honda,essendo il Penice meta di tantissimi motociclisti.Riparto per gli ultimi chilometri ed il cielo si oscura,abbassando la temperatura che salendo non si sente ma scendendo,anche se ben coperto ho patito molto.
Stand Honda

Penice vetta 1449m
Nonostante il freddo la stanchezza anche la quarta tappa è stata portata a termine.-21 

sabato 14 aprile 2012

Avranno ragione i Maya

Ed anche questo fine settimana all'insegna del maltempo,la la cosa più triste è che si parla addirittura che il tempo fino a mercoledi' sia decisamente peggiore.Che abbiano visto bene i Maya?
No non ci credo,comunque oggi mi sono deciso a rimontare i parafanghi sulla francesina, non si sa mai che domani ci dia tregua per qualche ora cosi si riesce a far girare le gambe almeno un pochino.
Se qualcuno conosce qualche stregone , metta una buona parola,vi sarò grato.
Nel frattempo per non stare con le mani in mano,mi sono deciso a sistemare la mtb di mia moglie,più che altro ho registrato ed oliato cambio e deragliatore, dato una pulitina hai dischi freno con la benzina avio ed una pulitina,non che ce fosse bisogno,al telaio.
Domani......................chissà, forse,vedremo. 

sabato 7 aprile 2012

Grazie al vento

E'doloroso ammetterlo ma a volte ho l'impressione che il tempo ci prenda in giro.Ore 8,30 il sole è alto e si preannuncia un ottima giornata a discapito delle previsioni che davano pioggia,ma qualcuno,in senso meteorologico,è in agguato.
Mi metto in strada sapendo di rimanere in sella almeno 5/6 ore,ho programmato un giro che prevede anche l'inserimento dell Ironbig 25,oltre a qualche altro colle di modesta difficoltà.
Durante la settimana purtroppo non sono riuscito ad uscire nemmeno una volta,prima per la leggera pioggerellina che ci ha accompagnato nei primi giorni della settimana e poi il lavoro,che nei periodi prima delle feste aumenta a dismisura.
Partenza verso Casalnoceto e poi Volpedo,mi congiungo con la statale che porta a SanSebastiano ma alla Barca inizia  ad alzarsi il vento ed in men che non si dica,nel giro di pochi chilometri diventa molto forte.Nei miei pensieri rimane il giro programmato ma nelle gambe,il vento è contrario,il giro con rammarico può terminare a San Sebastiano e cosi giro di boa si ritorna per la stessa strada.Con il vento a favore si viaggia che è una meraviglia ma il giro programmato è saltato e cosi oggi consideriamolo un buon allenamento,d'altronde non si dice che "non tutto il male viene per nuocere"