E' guidando una bici che puoi conoscere meglio i contorni di un luogo,poichè sudi sulle salite e le discendi a ruota libera.
In tal modo ricorderai come sono veramente,mentre con un automobile solo un'elevata altura t'impressionerà e non avrai l'accurato ricordo del territorio che hai attraversato come quello ottenuto guidando con la bicicletta.

Ernest Hemingway

lunedì 30 settembre 2013

....e si riparte(per l'ennesima volta)

....ebbene si per la seconda volta in un anno si riprende.
Giovedi' 12 ho tolto il gesso al piede una visita veloce un paio di sedute di riabilitazione ed ecco che si rimonta in sella.Un piccolo giro sulla "celeste" che monta i classici pedali,non a sgancio,e poi ieri la vera ripresa ,un giro con "elettra".
Come ho già scritto precedentemente ,sono in possesso di un unico neurone ed anche mal funzionante,una prima uscita dopo più di un mese dovrebbe essere tranquilla senza forzare ne sforare ed invece Castellania.
Non c'è niente da fare, l'aria che ti accarezza il viso,il paesaggio che ti circonda,il profumo di uva americana(quella dolce)ti fanno dimenticare tutto,pensi solo a pedalare e pedalare fino ai piedi della salita,scali rapporto, la salita si fà più aspra ti alzi sui pedali e qui tutto sparisce,una leggera fitta ti fa ricordare che ti sei appena rotto un piede ed allora ti risiedi e tutto ricomincia,testa bassa a leggere le imprese del grande Fausto ed arrivi a Castellania.
Si rientra in tutta tranquillità passando da Tortona e sperando che il tempo tenga ancora per un po,posso veramente dire si RIPRENDE C...O (scusate la volgarità ma quando ci vuole ci vuole)