E' guidando una bici che puoi conoscere meglio i contorni di un luogo,poichè sudi sulle salite e le discendi a ruota libera.
In tal modo ricorderai come sono veramente,mentre con un automobile solo un'elevata altura t'impressionerà e non avrai l'accurato ricordo del territorio che hai attraversato come quello ottenuto guidando con la bicicletta.

Ernest Hemingway

domenica 27 aprile 2014

La terra dei vini

Oltrepo',conosciuta soprattutto per i vini,questa terra elargisce anche enormi soddisfazioni in ambito sia ciclistico che paesaggistico.
Allo sbaraglio ,ecco come sono partito,allo sbaraglio non avevo nessun percorso in mente,l'unica cosa che volevo era fare dei chilometri,e rientrato a casa ho dedotto che nonostante i tanti "pro" che ha dato questo giro,a parer mio c'è anche un "contro",non puoi fare tanti chilometri in queste zone,tutto un sali e scendi spaccagambe.
La strada  è tutta in piano,unico neo il traffico nonostante l'ora,fino all'entrata di Stradella dove si svolta a destra in un bel vialone alberato,fino al semaforo,A destra per S.Maria della Versa e si inizia a salire con un modico 4,5% che diventa in breve tempo un 6,5% ma dura poco piu di un paio di chilometri.Si scende in un batter d'occhio e si risale in altrettanto tempo con pendenze lievi che ti danno modo di osservare quante cantine-vinerie vi siano lungo la strada, ed in men ce non si dica sono a S.Maria della Versa da qui prima salita fino a Crocetta,rapida discesa fino ad oltrEepassare Montecalvo Versiggia salita discesa e passo anche Francia fino ad arrivare ad uno stop.Giro a destra per un chilometro poi a sinistra per Montalto Pavese.La strada sale costante e passo Lirio e Fingeto ed arrivo a Montalto,ripida discesa fino a Ponte Carmelo svolto a sinistra e la strada ritorna inesorabile a salire e più si avanza più si fa aspra arrivando al bivio prima del Passo del Carmine a sfiorare la doppia cifra.Dopo il Carmine svolto a destra rapidi sali-scendi e passo prima Torre degli Alberi e poi Costa Cavalieri.Prima del bivio per Fortunago quello che ci voleva,una bella fontana,riempite le borracce riparto e bivio a sinistra ,100 m di nuovo a sinistra per Godiasco e a parte qualche rampa è tutta in discesa.Salice Rivanazzano ed infine a casa,117 chilometri pesanti ma che zona meravigliosa.

mercoledì 16 aprile 2014

La fine del........tunnel

Dopo un lungo periodo di inattività,potrei dire che ho trascorso un periodo sabbatico,ma la realtà non è questa.
Inizialmente il problema era dovuto al computer,alla quale si è aggiunta la linea ADSL ( un mese senza linea) ma soprattutto la mancanza di tempo.
Il dilemma era: scrivere o andare in bici?Ho scelto la seconda ipotesi,come penso avrebbero fatto tutti quelli amanti di questo mezzo.Ora spero di poter tornare a far conciliare le due cose.
Lasciamo stare il passato(febbraio -marzo)ed ripartiamo dal mese in corso.
Come avevo accennato ho conosciuto il mondo di Strava e le sue sfide mensili,e devo dire che mi hanno preso parecchio.Questo mese mi sono iscritto a tre sfide,la Gran Fondo4 che ho già portato a termine,la Aprile MTS,e per finire la Specialized Spring Classic.