E' guidando una bici che puoi conoscere meglio i contorni di un luogo,poichè sudi sulle salite e le discendi a ruota libera.
In tal modo ricorderai come sono veramente,mentre con un automobile solo un'elevata altura t'impressionerà e non avrai l'accurato ricordo del territorio che hai attraversato come quello ottenuto guidando con la bicicletta.

Ernest Hemingway

giovedì 3 luglio 2014

KTM la nuova full

E' arrivata anche la suo ora,andata in pensione la FRW



a lasciato il posto a lei KTM Lycan 27,5                                                                                                     

                                                                                                    

LaMitica 2014 resoconto

SPETTACOLARE,ecco come posso definire questa manifestazione di ciclismo di altri tempi.
Siamo arrivati alla terza edizione,purtroppo ho saltato la prima,lo scorso anno ho fatto il percorso corto,quest'anno il medio il prossimo sarà la volta buona che farò il lungo,si metto già in preventivo che ci sarò anzi non voglio mancare.
Le previsioni non erano buone,ma nemmeno il maltempo è riuscito a fermare i 270 Mitici e se non erro circa una settantina più dello scorso anno.
Ci si accorge del forte vento che ci accompagna alla partenza solo dalle pieghe vertiginose degli alberi,si scende dal Passo Coppi ,si attraversa Villavernia e si arriva in centro a Novi Ligure dove troviamo il primo ristoro presso il  Museo dei Campionissimi.
Si riparte e ad accompagnarci questa volte è un bel acquazzone,che decide di lasciarci in prossimità di Pozzolo Formigaro per far spazio ad un occhio di sole,ma anche questo susseguirsi di cambiamenti meteo fanno si che la ciclostorica sia ancora più epica.Dopo aver percorso alcuni tratti di strada bianca si arriva al bivio dei percorsi,destra 45 km sinistra 70/85 km,io vado a sinistra e si arriva ad un tratto di strada bianca che costeggia lo Scrivia e a parer mio è stato un tratto molto insidioso,che ha regalato mote forature.
Ci si ferma nel piazzale dove anni fa c'era l'entrata dell'autostrada per far ricompattare il gruppo per un entrata trionfale a Tortona dove è presente il secondo ristoro oltre ad una bella e folcloristica manifestazione dedicata.
Si riparte ,si attraversa il centro di Tortona e ci si dirige verso Viguzzolo dove prima ci attende un altro tratto di strada bianca ed al termine il terzo ristoro con relativa timbratura.Qui le strade si dividono,sinistra 85 km destra 70 km.
Fuori Viguzzolo in prossimità di una curva si svolta a destra ed inizia la prima salita a Sarezzano,salita che noi della zona chiamiamo Bricco San Michele,rapida discesa verso Fonti,nel frattempo piccola deviazione presso la cascina di Gino Rossi per la penultima timbratura e via verso la temuta Rampina.
Alla fine della discesa,la fortuna che fino a qui mi aveva accompagnato,mi abbandona,scoppia il tubolare posteriore,leggera sbandata e riesco a fermarmi per la riparazione.ma il taglio e circa due cm e la magica bomboletta nulla può.Siamo a circa 10 km da Castellania,cioè dall'arrivo,la Rampina da affrontare ed il tratto finale di salita in bitume,cosa fare?
Non è da me abbandonare,cosa che mi era balenata nella testa ma come è arrivata se ne andata,vada come vada voglio finirla a costo di buttare via il cerchio affronto la Rampina ed i successivi km con la ruota bucata fino all'arrivo dove mi attende la famiglia.
All'arrivo si sono sentiti applausi e complimenti che vorrei girare agli organizzatori per il lavoro impeccabile svolto.
Complimenti continuate cosi ed un arrivederci al 2015.