E' guidando una bici che puoi conoscere meglio i contorni di un luogo,poichè sudi sulle salite e le discendi a ruota libera.
In tal modo ricorderai come sono veramente,mentre con un automobile solo un'elevata altura t'impressionerà e non avrai l'accurato ricordo del territorio che hai attraversato come quello ottenuto guidando con la bicicletta.

Ernest Hemingway

domenica 10 agosto 2014

Shimano Summer-Challenge

Mi mancavano solo 17 km ed un giorno(oggi) a disposizione.
Portata a termine anche questa ennesima sfida,sto parlando della Shimano summer-challenge ora attendiamo le altre sorprese del mondo Strava


sabato 9 agosto 2014

Sis-summer-challenge

E anche questa l'abbiamo portata a casa,l'ennesima sfida Strava la Sis-summer-challenge.
Avendo in mente di fare anche un po' di salita iniziamo col mettere nel carniere Pareto,tanto per scaldare la gamba.Partito con il sole arrivo a Varzi con dei nuvoloni che non promettono nulla di buono,ma proseguo e faccio bene.Direzione Passo Penice effettuo i primi tornanti e svincolo a sx per effettuare una nuova salita,Santa Cristina.Inizialmente si presenta bene fino all'abitato,si svolta a destra ci si lascia alle spalle il centro e da qui l'asfalto diventa pessimo,ma veramente pessimo.Buche che sembrano crateri per tutta la sua larghezza,la pendenza aumenta ma non puoi alzarti sui pedali in quanto la ruota posteriore scivola per via del bricciolato,in definitiva una mezza delusione per colpa dell'asfalto ,ma per quanto riguarda il paesaggio uno spettacolo.Arrivato a quota 860m inizia la discesa fino al ricongiungimento con la statale del Penice che passo senza fermarmi se non per una foto,ed arrivo a Bobbio.Mi era balenata l'idea di prendere direzione Piacenza,ma in programma avevo altro,sarà per la prossima volta.Direzione Genova ,la strada sale con pendenze lievi ma si sale costeggiando il fiume Trebbia,fino ad arrivare a Ponte Organasco dove un bel panino con il crudo ed una coca non mi scappa,e sono proprio davanti al bivio per il Passo Brallo.Riparto la salita nonostante salga costante,dopo 90 km sembra di scalare l'Everest,ma proprio  perchè non vi sono cambi di ritmo è meno pesante.Anche qui arrivo in cima e proseguo senza fermarmi se non a Ponte Crenna per una seconda coca-ristoratrice,e poi fino a casa fermandomi due volte per il gradevole passaggio di una corsa dilettantistica.